L’AMIANTO, UN PERICOLO O UN’OPPORTUNITÀ DI BONIFICA DEL TERRITORIO?

L’idea di destinare una piccola porzione del nuovo lotto di discarica (112 mila metricubi complessivi, pari al 2% dell’intero impianto) per accogliere rifiuti contenenti amianto (sostanzialmente eternit), che hanno necessità di essere rimossi e smaltiti correttamente, nasce dalla constatazione del degrado prodotto dall’abbandono di questo materiale nei nostri territori.
La collocazione nel sito della discarica, senza alcun altro intervento di lavorazione, di materiale già inertizzato e reso sicuro al momento del prelievo, non comporta alcun rischio di carattere gestionale né ambientale.
Grazie a criteri di gratuità o tariffe agevolate, che saranno applicate da Rea Impianti, ai cittadini e ai coltivatori diretti per il conferimento, oltre a quelli già adottati dal Comune di Rosignano Marittimo, a sostegno del corretto smaltimento, questa piccola sezione dell’impianto destinata all’amianto potrà incidere fortemente su un processo di risanamento ambientale.